Yogurtiera istruzioni per l’uso

Una volta acquistata la yogurtiera la prima cosa da fare è lavare i vasetti ed i coperchi con acquayogurt calda e detersivo per piatti. Una volta asciutti potremo iniziare la produzione di yogurt fatto in casa.

yogurt compatto

Per produrre uno yogurt compatto dobbiamo procurarci la yogurtiera, il latte fresco pastorizzato ed un vasetto piccolo di yogurt al naturale (non alla frutta, vaniglia, etc.) ed un termometro per alimenti.

Scaldiamo il latte fino a 82°/85° gradi per 10 minuti (mi raccomando non deve bollire). Questo serve per abbattere la carica batterica presente nel latte e per modificare le proprietà delle proteine che si tradurrà in uno yogurt più compatto.

Lasciar raffreddare il latte fino a 40°/45° gradi e togliere la pellicola che si potrebbe essere formata in superficie.

Aggiungere un cucchiaio di yogurt e mescolare dolcemente il tutto.

Versare la miscela nei vasetti e riporli nella yogurtiera (senza coperchi).

Chiudere la yogurtiera e avviare l’apparecchio per 7 ore.

Non muovere la yogurtiera durante la produzione dello yogurt. Una volta terminato il tempo spegniamo l’apparecchio e togliamo il coperchio trasparente.

Attenzione a non far cadere l’acqua che potrebbe essersi condensata sulla parte interna del coperchio della yogurtiera nei vasetti.

Tappiamo i vasetti e mettiamoli in frigorifero.

Attendiamo almeno 5 ore prima di mangiare lo yogurt.

Ricordiamo che riducendo il tempo di fermentazione lo yogurt sarà meno compatto ma anche meno acido e quindi se il risultato non fosse quello desiderato, possiamo sempre allungare o accorciare il tempo di fermentazione.

E’ importante trovare il giusto tempo di fermentazione in accordo con i nostri gusti.

Per le successive 8 preparazioni possiamo anche utilizzare lo yogurt che abbiamo precedentemente prodotto. In seguito dovremmo comunque utilizzare uno yogurt naturale acquistato.

In alternativa possiamo anche utilizzare il lievito liofilizzato ma il risultato non sarà migliore di quello che possiamo ottener utilizzando un vasetto di yogurt.

yogurt cremoso

Per produrre uno yogurt cremoso, rispetto alla procedura sopra riportata, dovremmo evitare di scaldare il latte a  82°/85° gradi. E’ invece fondamentale che il latte sia a temperatura ambiente prima di versarlo nei vasetti. Dovremo anche aumentare il tempo necessario alla preparazione dello yogurt. Questa seconda modalità di preparazione ci permette di preparare lo yogurt in modo molto più facile e senza dover utilizzare un termometro.

Suggerimenti – uso della yogurtiera

E’ possibile produrre lo yogurt partendo dal latte magro?

Si. La parte grassa del latte migliora le caratteristiche organolettiche dello yogurt ma non pregiudica la buona riuscita della fermentazione. Bisogna però considerare un tempo più lungo per la fermentazione del latte a più basso contenuto di grassi. In particolare, se con il latte intero ci vogliono circa 7/8 ore per produrre lo yogurt, con il latte parzialmente scremato ci vorranno 10 ore e con il latte scremato si arriva a 12 ore.

E’ possibile produrre lo yogurt zuccherato e di gusti diversi?

Si. E’ sempre possibile aggiungere zucchero, frutta e aromi dopo il raffreddamento dei vasetti mentre prima della fermentazione è solo possibile aggiungere lo zucchero (1/3 cucchiaini per vasetto).

Si può ottenere uno yogurt più compatto senza dover scaldare il latte?

Si. Basta aggiungere 10 cucchiai di latte in polvere al momento dell’aggiunta dei fermenti lattici (un cucchiaio di yogurt a naturale).

Per approfondimenti sullo yogurt e su come prepararlo al meglio vorrei consigliare YOGURT di Estérelle Payany. Si tratta di una lettura piacevole e corredata da illustrazioni e foto che vi yogurt-bookguideranno nella preparazione di golose ricette capaci di stupire amici e parenti.  Clicca qui per saperne di più.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>